Menu

Il formaggio migliore del 2016? È norvegese e si chiama Kraftkar

No, non è italiano né tantomeno francese il formaggio che quest’anno si è aggiudicato il premio di “Miglior formaggio al mondo”, bensì norvegese. L’ambìto riconoscimento che ogni anno assegna il World Cheese Award, rassegna che si svolge nei Paesi Baschi (a San Sebastian Donostia, tra l’altro capitale europea della cultura 2016) per l’edizione 2016/2017 è infatti stato assegnato al Kraftkar, un erborinato simile al nostro Gorgonzola ma più secco ed aromatico. Il verdetto è stato unanime da parte di ben 266 giurati provenienti da ogni parte del mondo, tra cui anche l’Italia. La motivazione, invece, che ha fatto sbaragliare gli oltre 3 mila formaggi concorrenti, ha a che fare con le muffe, sviluppate in modo armonico e capaci di conferire un gusto rotondo e mai stancante.

Il Kraftkar norvegese ha una caratteristica molto particolare: il colore blu. Quest’ultimo gli viene conferito dalla reazione della cagliata del latte vaccino con il Penicillium roqueforti, un fungo che poi, grazie ad una stagionatura di dodici mesi, dà vita alle muffe blu tipiche anche di un altro formaggio molto famoso, il Blue Stilton. Interessante sapere che l’azienda casearia che produce questo formaggio, la Tingvollost, è piccolissima e ricava i suoi prodotti da sole 50 mucche, con conseguente duro lavoro quotidiano.

Per quanto riguarda la seconda posizione, invece, è stata conquistata da due spagnoli: il Cala Blanc ed il Cremositos del Zujar. Niente da fare, purtroppo, per i formaggi italiani, anche se per questa edizione (la ventinovesima) ce ne erano sette in gara, tra cui tre produzioni di Parmigiano Reggiano, un Pecorino, un Capra al Traminer, un semistagionato biologico ed un Gorgonzola dolce. gorgonzolaProprio il Gorgonzola, che in questa gara internazionale si è classificato quinto, può essere considerato tra i migliori formaggi erborinati al mondo (e per quest’anno dunque il migliore formaggio del Bel Paese). Un DOP lombardo anch’esso nato dal risultato dell’aggiunta di spore del Penicillium in latte vaccino (ma in questo caso si tratta della variante Glaucum e non Penicillium). Una curiosità: il Gorgonzola è il più antico formaggio erborinato, nato nell’879 circa (due secoli prima dell’anno 1000, quindi!), ma in origine si presentava totalmente bianco, senza cioè le tipiche striature verdi. Può essere trovato in due versioni: quello dolce, molto delicato e a pasta molle, e quello piccante, a pasta semidura, molto simile agli erborinati francesi oppure al “formaggio migliore del mondo 2016”, cioè il Kraftkar norvegese.

Condividi l'articolo
Comments (0)

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.